Nel trigesimo di don Raimondo Salvalaggio - Ass. Cala Felci

Nel trigesimo di don Raimondo Salvalaggio

Ciao caro Franco e gentile Redazione di Calafelci. Il 18 aprile ricorre il trigesimo del nostro carissimo don Raimondo,voglio ricordare alcuni momenti che spesso raccontavamo come la mattina dell’Immacolata che dovevamo uscire per cantare, lui ricorda che il fratello di Carmine (il figlio i colonnello) quando senti che si doveva andare chiamare anche il predicatore francescano, non si sa cosa avesse capito e disse :c’è pure u predicatore Franco Schiano e con don Raimondo giu’ risate, e la fisarmonica che Martiello ripeteva “a sammoca”, già in mano alla buonanima di Ciccillo i maistà…Negli ultimi tempi specie nelle ricorrenze del suo compleanno il 13 novembre ci riunivamo con i suoi parenti,fratelli e sorelle e i canti in coro che venivano fuori era una meraviglia, cosi fu per l’ ultimo suo compleanno nel 2019 prima che il Covid ci chiudesse tutti. Ci riunimmo sempre con tutti i suoi , con tutti gli ospiti e con altri amici dell’Aeronautica, io ero con tutta la mia famiglia,e con quella delle mie figlie; quella serata è stata indimenticabile, tra canti battute e vociare  non si capiva più niente. Fu l’ultima volta che ci siamo potuti vedere ,e divertirci spensieratamente, poi più nulla ci sentivamo solo per telefono o tramite il fratello Agostino che ci teniamo tutt’ora in contatto.Poi è volato su a cantar con gli angeli “Ave Maria”.Mi sto commuovendo, perciò mi fermo e faccio i miei saluti a tutti gli amici di don Raimondo e quelli di Calafelci e ricordiamo il nostro caro amico don Raimondo con il canto che tanti anni fa ci insegnò “Madre dolcissima”, egli da lassù canta insieme a noi e ci benedice cari amici.

 Un caro abbraccio a tutti voi.

                                                  Tonino   

Madre Dolcissima, eseguita da Tonino Esposito inn ricordo e omaggio a Don Raimondo.

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

More To Explore